Guida del sentiero “La Via del Purchin”

cop purchin

Per chi, come me, ha ormai varcato la soglia degli “anta” il nostro splendido entroterra ha sempre e solo fatto parte del paesaggio, così come le montagne, il sole, il cielo e le stelle. Lo frequentavano le persone che vi abitavano, i cacciatori, i cercatori di funghi e qualche boscaiolo. Tutta la vita, turistica ed economica, si svolgeva lungo la costa, a pochi metri dal mare. Risalendo verso monte, anche solo per un Km, tutto perdeva interesse: basse quotazioni immobiliari, turismo inesistente, poche infrastrutture e sempre e solo tanta voglia di avvicinarsi al mare. Una visione marecentrica, si potrebbe dire.  Eppure qualche secolo prima era il mare a far parte del paesaggio e la maggioranza delle grane arrivavano proprio da quella direzione, mentre la via di salvezza era spesso verso i monti.  Il  Castrum Paerticae, giusto per restare in argomento, svolse la propria funzione già dal periodo tardo antico, mentre il Villaggio delle Anime, toccato dal tracciato, afferma un uso ancora più risalente nel tempo del territorio “montano”. Dagli anni ’70  mentre il fascino della costa subiva qualche allentamento, qualcosa cambiò nella considerazione del “paesaggio” alle spalle.  Anzi, lasciando il mare, ecco un proliferare di bellezze naturali, monumenti, profumi, sapori, occasioni turistiche ed economiche. In pochi anni, soprattutto grazie a chi riuscì a “vedere” mentre tutti si limitavano a “guardare”, si è aperto un nuovo mondo, non più in bianco e nero, ma colorato da migliaia di climber, biker ed  escursionisti provenienti da tutta Europa. Gli appassionati del CAI, cui tutti dobbiamo essere grati per il loro instancabile lavoro, hanno reso possibile un bellissimo sogno ad occhi aperti, permettendo a tanti di sognare insieme a loro.  Vi sono tanti modi di vivere l’entroterra ed il recupero di questo antico tracciato è forse uno dei migliori: per tutti, immersi nel verde, nella storia e in un dimenticato  passato che potrà forse diventare il nostro futuro.  Buon 150° compleanno a tutti gli Amici del CAI!

Massimo Gualberti
Assessore allo sport e attività outdoor
Comune di Finale Ligure

Agosto 2013

 

La guida è disponibile e scaricabile in PDF nella sezione download

 

Lascia un commento